Come creare un sito di vendita online: perché NO all’E-Commerce gratis

strumenti e servizi per creare-un-sito-di-vendita-online

Tutti pazzi per l’e-commerce!

Appare innegabile che il commercio elettronico riscuota sempre più successo da parte di grandi e piccoli operatori.

Molti dei nuovi aspiranti venditori online hanno conoscenza del settore merceologico e del target di mercato, ma sanno poco o niente di web-marketing e web-design. Quindi come si regolano per creare il sito di vendita?

Prima di tutto il Progetto!

Commercio elettronico o tradizionale che sia, il progetto di business deve essere sostenibile. Significa prezzi degli articoli e delle spedizioni congrui, logistica e magazzino che funzionano, una puntuale assistenza ai clienti via chat, email ed è consigliabile rispondere ai clienti anche dai profili social. Meglio se individuate anche i punti di forza rispetto ai competitors, su cui far leva nella comunicazione.

Usate questa Guida:

L’hosting dedicato

Va benissimo anche un pacchetto di hosting linux base, ma di quante risorse avrete bisogno dipenderà da quanti file media caricherete nel sito e dal suo traffico di visite quotidiano. Chiedete un consiglio al vostro provider di fiducia, esponendo le vostre necessità.

E-commerce in regalo: perché meglio di no.

e-commerce-gratis-attenzione ai rischi di queste offerteDigitando frasi simili a “come fare un sito di ecommerce” o di “vendita online“, oppure “tutti i modi per..” si trovano milioni di risultati.
Alcuni annunci offrono il “Sito di E-Commerce Gratis“.
Accattivante proposta, vero? 😉

Ma ci sono sensate ragioni per non aderire o, almeno, per approfondire la lettura di tutte le clausole dell’offerta, al fine di prevenire eventuali sorprese.

Gli utenti invogliati dall’omaggio, non di rado sono superficiali nella ricerca di eventuali recensioni provenienti da fonti esterne all’area”dicono di noi” del sito di questo provider.
E raramente leggono a fondo i dettagli tecnici e commerciali, che potrebbero invece aiutarli a prevenire brutte sorprese come quelle sotto elencate, testimoniate da clienti insoddisfatti che protestano sui social e su gruppi e forum di settore.

Server affollato e sito lento

Spesso chi inizia con un piano gratuito poi passa a quello a pagamento perché lo spazio in regalo è su un server sovraffollato ed il sito è lentissimo.

Questo infatti non piace ai visitatori e nemmeno a Google, che invece premia la velocità di caricamento.

Quando il proprietario di un sito ospitato in un servizio gratuito del genere, si accorge che su Google lo si trova solo in 12º pagina nonostante abbia creato un sito adeguato nei contenuti e nella struttura, non ci mette tanto a chiedere in qualche forum e poi fare un test di velocità con i tanti strumenti disponibili.

Sicuri sia gratis? Scoprite come ci guadagna chi vi regala l’e-commerce.

Dal gratis al Pro, il prezzo è esagerato

Chi ha scelto frettolosamente il servizio gratuito senza guardare tutte le condizioni, può avere la brutta sorpresa di un prezzo del piano a pagamento doppio o anche triplo rispetto ad altri provider e non sempre è così facile cambiare fornitore.

Vincoli

Alcuni offrono lo spazio gratis, altri regalano la piattaforma facilitata per costruire la vetrina online, ma pongono vincoli. Come ad esempio quello di non poter migrare il sito completo se un giorno decideste di spostarvi su un hosting diverso.
Con questi servizi (ad esempio Wix) potete esportare solo i testi e le immagini di vostra proprietà, ma il sito toccherà rifarlo da capo.

Lungaggini

Altro caso è quello di provider con offerte sottocosto, che però se volete migrare dominio e/o sito su altro hosting alla scadenza dell’anno acquistato in promozione, vi fanno impazzire con la procedura, che ostacolano ed allungano sino all’esasperazione (forse contando sul fatto che alcuni clienti effettivamente si arrendono e restano lì).

Investire sapendo che cosa si acquista.

Effettivamente ci sono promozioni piuttosto convenienti che valgono per il 1ºanno e dopo si paga il canone intero. Molti provider, noi compresi, sanno che la fiducia del cliente si conquista col tempo ed il primo anno a prezzo ridotto è un buon modo per farsi conoscere ed apprezzare. Al momento del rinnovo il cliente soddisfatto non avrà problemi a pagare il canone normale.

Ma il listino dei prezzi correnti deve essere in chiaro sul sito del provider, al fine di essere certi che chi accetta la promozione è anche a conoscenza di quanto pagherà al rinnovo.

Inoltre l’assistenza, sia tecnica che commerciale, devono essere puntuali ed efficaci.

Quindi prima di scegliere un servizio solamente per l’omaggio o la promozione, leggete bene i listini prezzi e le specifiche tecniche, poi confrontatele con le altre offerte. Se avete dubbi chiedete in qualche gruppo o forum dedicato all’e-commerce.