Link non naturali nei widget: avviso severissimo di Google, oggi, ai webmaster.

google penalizza i link innaturali

Un sito ben costruito, con link esterni in armonia con i contenuti, può presentarsi a Google serenamente. Ma quando il sito ricorre ad un make-up SEO furbetto che acquisice e dispendia traffico da link non naturali, allora c’è da stare in campana. Se in passato infatti era accettabile mascherare link innaturali sotto il “cerone”, questa pratica nel tempo è stata sempre più deprecata da Google, fino ad arrivare al severo comunicato di oggi, che minaccia penalizzazioni a pioggia nell’immediato futuro, per i link nei widget che non passeranno l’esame

In arrivo ulteriori sanzioni per i link innaturali

Non si stupiscano i siti abituati a campare di quel che passa il convento via banner, che nell’immediato futuro vedranno arrivare da Google Search Console notifiche di penalizzazioni per link non naturali.  La squadra webspam di Google infatti potrebbe richiedere ai proprietari dei siti di effettuare azioni manuali su questi link. Fatte le modifiche, il sito va di nuovo segnalato a Google che si riserva di accettarle e riconsiderare il sito, oppure di mantenere la penalizzazione.

La notizia appare oggi sul Webmaster Blog di Google.

ll tono del comunicato è severo, come hanno riportato i primi blogger che l’hanno commentato sui social. Qui uno stralcio tradotto:

“..Vorremmo ricordare ai webmaster che utilizzano i widget sui loro siti per verificare i widget per eventuali link non naturali. Aggiungere un attributo rel = “nofollow” su questi link innaturali o rimuovere i collegamenti interamente dal widget. Per ulteriori informazioni, si prega di guardare il nostro video sul link del widget e fare riferimento alle nostre linee guida per i webmaster sui sistemi di collegamento. Inoltre, non esitate a chiedere domande nel nostro Webmaster Forum di assistenza, dove una comunità di webmaster può aiutare con la loro esperienza”. Leggi tutto >

link non graditi a googleChe i link non naturali fossero penalizzati è risaputo da tempo, ma qualcuno è duro d’orecchi.

Il video di Google sull’argomento, che anche il nuovo avviso di oggi invita a rivedere, è, infatti del 2012. Da allora nelle community di web marketing e SEO abbiamo letto numerose volte commenti di professionisti – quelli seri ed aggiornati, ovviamente – che invitavano a rivedere le strategie di link building, invitando all’ottimizzazione logica delle nostre pagine web.

Ma se il Motore di Ricerca arriva a sentirsi in obbligo di reiterare il messaggio e minacciare rappresaglie, vuol dire che sono a tutt’oggi ancora troppi i siti mal costruiti o le persone che si affidano a consulenti “seo” convinti che sia possibile ingannare Google.

Quanti siti dovranno realmente temere di perdere consistenti posizioni su Google per colpa dei link non corretti?

Tanti. Lo possiamo capire guardando l’immagine degli esempi che fa Google di link non graditi, inserita nell’avviso odierno. Come possiamo vedere, si tratta di link presenti in innumerevoli siti e blog.

Ma a parte le vecchie pagine web e le vecchie strategie, oggi purtroppo sono ancora molti coloro che si approcciano al web marketing con poche idee, ma molto confuse 😀

Quindi il nostro consiglio è di lasciare da parte ogni volo pindarico e leggere con calma la guida di Google. Qui in Pdf. O almeno cominciare con quelle relative a questo argomento.

Google: Linee guida sui LINK

Poi torniamo a parlare di SEO 🙂


Informazioni su Staff Misterdomain

Misterdomain.eu è un servizio di Inmediatamente Web SL - Tenerife (ES). Lo staff è composto da specialisti in aspetti tecnici e di digital marketing per offrire servizi ed assistenza sempre più performanti su domini, hosting e siti WordPress.