Medium traballa e WordPress crea l’importer per gli editori che vogliono migrare.


medium piattaforma di bloggingLa piattaforma per blogging Medium (NdA: dove anche Matteo Renzi ha aperto il suo), ha iniziato il 2017 “con piede incerto” – scrive Sarah Goodin su WPTAVERN – “licenziando un terzo del personale nel mese di gennaio, dopo aver ammesso che il suo modello di business ad-based non funzionava”.

Non è la sola voce che circola online a segnalare che, nonostante l’annuncio da parte di Medium su un prossimo cambio di strategia che prevede di remunerare gli autori più seguiti, gli utenti che erano accorsi numerosi a popolare la piattaforma sperando in positivi ritorni, non stiano affatto tranquilli.

Sarah Godin, comprensibilmente di parte – anche se le sue argomentazioni si basano sulle testimonianze di diversi importanti publisher di Medium – non ci va leggera nel produrre previsioni ed incoraggiamenti espliciti, ai tanti che vorranno migrare verso WordPress in cerca di una base meno incerta, in cui pubblicare i propri siti.

Via da Medium, verso WordPress.

Solo per WordPress.com al momento (ma presto per tutti i siti, grazie ad un’estensione di JetPack in arrivo) sarà possibile usare uno specifico strumento Importer per Medium.

Ecco come appare lo strumento di importazione di WordPress.com attualmente:

importer medium to wordpressL’importazione da Medium a WordPress.com comprende i messaggi, tag, immagini e video e richiede circa 15 minuti.

Ma l’elaborazione dell’importer non è stata facile, secondo Marko Andrijašević di Automattic, che ha spiegato come Medium non abbia agevolato affatto gli sviluppatori, cambiando più volte il formato delle sue esportazioni.

L’estensione Jetpack per migrare  da Medium a WordPress è in arrivo.

“Avremo presto il supporto Jetpack per i siti di self-hosted.” – ha aggiunto Andrijašević – “Mentre un’altra soluzione per i proprietari di siti self-hosted sarebbe quella di utilizzare l’importatore media su WordPress.com, e quindi generare un WXR (WordPress eXtended RSS) file con i nostri esportatori. Il WXR può quindi essere utilizzato con WordPress importater su qualsiasi sito di self-hosted. ”

sarah goodin WPTAVERNLa Goodin continua criticando i “permalink sgradevoli” generati da Medium, concordando con gli utenti che diffidano dall’usarla a causa dei suoi cambiamenti di programma inaspettati per i publisher che non sono stati avvisati per tempo, arrivando persino a definirla sprezzantemente un “nuovo tipo di macchina da scrivere per miliardari“. Accusa infine Medium et simili di ostacolare gli utenti, invece di offrire loro vantaggi: “Ciò che distingue queste nuove macchine per scrivere non è la possibilità di essi mettono a disposizione gli scrittori, ma quello che toglie. Gli editori che vogliono determinare un percorso e risultati dal proprio lavoro, hanno bisogno di migrare verso una piattaforma più stabile in cui hanno il pieno controllo del loro contenuto”.

Concludo con i miei 4 punti fermi per il/la publisher che non deve chiedere mai 😀

  1. WordPress non è nato come piattaforma di remunerazione per blogger, ma ha i suoi strumenti e le sue comunità, che possono aiutare sensibilmente ciascun editore a fare con il sito un buon business.
    A patto, naturalmente, di impegnarsi a studiare le modalità per raggiungere questi risultati, che vanno abbastanza oltre la remunerazione dagli AdWords o dalle condivisioni.
  2. La priorità per un publisher è creare dei buoni siti e riempirli di buoni contenuti. Sviluppando poi, adeguatamente, le Digital Relation. La costanza è importante quanto il comportamento, (che include le dinamiche e la qualità delle relazioni e dei contenuti che produce e divulga).
    Come può confermare chi ne ha fatto una seria professione, il fantastico mondo 😉 della SEO e del Digital Marketing è molto più meritocratico di quanto non si creda.
  3. Va bene usare tools di condivisione e pure i bot, se fai Customer Care a migliaia di clienti, ma non sono queste le relazioni, sia chiaro.
  4. Monitorare, sempre. Gli strumenti più importanti per chi vuole raggiungere obiettivi con il proprio sito sono quelli per le analisi pre e durante ogni strategia/attività, ed i report.